domenica , marzo 24 2019
Home / Energia Mentale / Mario Gӧtze e il disturbo del metabolismo energetico: ecco cos’è

Mario Gӧtze e il disturbo del metabolismo energetico: ecco cos’è

Troppo strano che a 24 anni fosse in calo. Ma i numeri erano evidenti. Meno gol, meno assist, meno tutto. Mario Gӧtze era in crisi. Nel 2012-13, la sua ultima annata al Borussia Dortmund, faceva in media 22,3 scatti a partita, attualmente non andava oltre i 15. Calata anche la velocità media (da 33 a 32 km/h) e di conseguenza la percentuale di dribbling riusciti (da 53% a 47%). C’era un motivo e il club tedesco ne è venuto a capo. La Bundesliga perderà per qualche mese uno dei suoi protagonisti, con la speranza di ritrovarlo però finalmente forte come a inizio carriera.

Il fatto

Gli esami a cui si è sottoposto hanno evidenziato un disturbo del metabolismo energetico.  Una malattia che colpisce gli arti inferiori e che coinvolge la creatin-chinasi, un enzima il cui compito è proprio quello di liberare nel corpo energia chimica. In poche parole Mario non riesce a bruciare i grassi (per questo non riusciva più a raggiungere il peso forma) e i suoi muscoli non ricevevano stimoli, e per questo il giocatore si affaticava più del dovuto e aveva dolori muscolari. Meno del 2% della popolazione europea soffre di tale disturbo (che è ancor più rara negli altri continenti).

Cura

Il 2017 di Mario era cominciato nel peggiore dei modi: delle 8 partite del Dortmund ne ha giocata appena una, totalizzando solo 24 minuti. Sempre più di frequente Mario era costretto a fermarsi per alcuni problemi fisici. Fra fine 2015 e inizio 2016 dovette star fermo 116 giorni per un fastidio agli adduttori. Per ripartire ora Mario ha bisogno di riposo assoluto, a tempo indeterminato. Chiaro in tal senso il comunicato del Borussia:

È strettamente e urgentemente indispensabile esonerare Mario dagli allenamenti.

Trovato l’origine del problema però i gialloneri sono fiduciosi. Il direttore sportivo Zorc, ha garantito il massimo sostegno al ragazzo:

Siamo contenti di conoscere finalmente l’origine dei problemi di Mario. Siamo convinti che, una volta guarito, porterà in dote le sue straordinarie qualità tecniche.

Anche Mario è sembrato piuttosto sereno:

Mi sto già curando e cercherò di tornare il prima possibile ad allenarmi e aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi comuni.

Resterà indisponibile per vari mesi. E questo può preoccupare il Borussia, poi però Mario potrà finalmente tornare quello di inizio carriera. Troppo strano d’altronde che a 24 anni fosse in calo.

Leggi Anche

Prende corpo la nuova multi-utility regionale lombarda – Varese Press

I Consigli di Amministrazione di ACSM-AGAM S.p.A., ASPEM S.p.A., AEVV S.p.A., AEVV Energie S.r.l., LARIO …